Dino Campana


Also found in: Wikipedia.

Campana, Dino

 

Born Aug. 20, 1885, in Marradi, Tuscany; died Mar. 1, 1932, in Castel Pucci, Tuscany. Italian poet.

Campana led a wandering life, attempting many professions. In Orphic Songs (1914), the only collection of his poetry and rhythmic prose published during his lifetime, he expressed the spiritual crisis in which Italian culture found itself prior to World War I. Anxiety, escape from the commonplace, and futile flights toward the unattainable are his main poetic themes. He often sacrifices logical construction for melodiousness. His poetry has a powerfully morbid, irrational basis, and the images take on symbolic meanings. He spent the last 14 years of his life in a mental hospital.

WORKS

Canti orfici e altri scritti, new ed. Florence, 1952.
In Russian translation:
[“Stikhi.”] In Ital’ianskaia lirika, XX vek. Moscow, 1968.

REFERENCES

Gerola, G. Dino Campana. Florence, 1955.
Galimberti, C. Dino Campana. [Milan, 1967.]
References in periodicals archive ?
I letterati rappresentati sono i seguenti (tra parentesi appare il lavoro da cui sono tratti i brani): Natalia Ginzburg (Casa al mare), Guido Piovene (Viaggio in Italia), Umberto Saba (Trieste e una donna), Giuseppe Tomasi di Lampedusa (Il gattopardo), Giuseppe Marotta (L' oro di Napoli), Ignazio Silone (Fontamara), Giorgio Caproni (Congedo del viaggiatore cerimonioso & altre prosopopee), Luigi Pirandello (Il fu Mattia Pascal), Giorgio Bassani (L'airone), Carlo Emilio Gadda (La cognizione del dolore), e Dino Campana (Canti orfici).
Besides Serrao, he has published translations of Vittorio Sereni, Mario Luzi, Giose Rimanelli, Giuseppe Jovine, Dino Campana, Albino Pierro, and Eugenio Cirese.
by Gian Paolo Renello (377-94); "Il 'Gatto Letterato' e la cultura napoletana della prima meta dell'Ottocento" by Serenella Ricciardi (395404); "La poesia di Dino Campana tra musica e immagini" by Carlo Santoli (405-18); "D'Annunzio o Svevo" by Antonella Santoro (419-28); and "La personalita e l'opera di Basilio Puoti: nuove lettere" by Giovanni Savarese (429-37).
Autore di produzioni poetiche nel dialetto caratteristico della sua citta di origine, Santarcangelo di Romagna, il Baldini ha ricevuto parecchi premi letterari, tra cui il Premio Gabicce nel 1979, il premio Carducci nel 1982, il premio Viareggio Poesia nel 1988, il Premio Bagutta nel 1995 e il Premio Dino Campana nel 2004.
At the beginning of the 20th century, Dino Campana (1885-1932) becomes a profoundly suffering prototype of the 20th-century notion of exile as alienation and estrangement.
Se, insieme a Mario Luzi, riteniamo che l'elegia moderna presente nelle esperienze poetiche novecentesche si nutre principalmente della felicita negata per la "deposizione dal trono" sperimentata dal poeta moderno e dal suo disinganno, vera origine della "geremiade" novecentesca che porta il poeta a dichiarare la propria estraneita e a imputare al mondo la sua assurdita e inumanita, Dino Campana e indubbiamente un referente fondamentale dell'istituto poetico italiano novecentesco negli anni anteriori alla II Guerra Mondiale.
Nel presente saggio il nostro oggettivo sara studiare in profondita il tema del viaggio e dell'esilio interiore in Dino Campana come asse esegetico della sua opera che struttura un complesso universo poetico insieme ad altri nuclei significativi di rilievo nell'opera del marradese.
Una simile rilevanza nell'immaginario campaniano acquista la visione deserta, perche saccheggiata, della citta moderna (vedi, per esempio, La Notte, La giornata di un nevrastenico), in un'indubbia ripresa di un motivo rimbaldiano ricorrente: "le saccage des promenades" (Turchetta, La cultura di Dino Campana 1985).
Dino Campana oggi, Atti del convegno su Campana, Firenze 18/19 marzo 1973, Firenze, Vallecchi, 1973.
Bonifazi, Neuro, Dino Campana, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1978.
Briosi, Sandro, L'orfismo visivo di Dino Campana, "Studi Romagnoli", XXXIII, 1981, 127-45.
Galimberti, Cesare, Sulla formazione di Campana, in Dino Campana, Milano, Mursia, 1967.