persuader

(redirected from persuadere)
Also found in: Dictionary, Thesaurus, Legal.

persuader

[pər′swād·ər]
(electronics)
Element of storage tube which directs secondary emission to electron multiplier dynodes.
References in periodicals archive ?
verbos que significan el mandato o la sumision, como imperare, praesum, parere, oboedire, seruire, etc; verbos que significan el acercamiento o la comparacion, como iungere, comparare, conferre, anteferre, anteponere, praeferre; verbos aislados, como haerere, mederi, parcere, nubere, inuidere, persuadere, succedere y verbos impersonales como licet y como los verbos de suceso accidit, fit, euenit, etc.
Sentit sancta Synodus, et ita servandum statuit, hos noviter ad fidem conversos, hoc tempore non debere aliquo ordine initiari, neque in sollemni celebratione, ad epistolam publice decantandam, vestes destinatas induere; possunt tamen superpelliceum et id genus sacrati cultus indumenta, in missarum et processionum ministerio, si necesse fuerit, vestire immo et id sacerdotes ipsi debent indorum puerorum et parentibus persuadere, ut filios suos velint sponte in ecclesiis, ut in illis Deo serviant, dedicare, et ut ibidem legere, characteres litterarios formare, et canere deceantur, et alia quae ad nostram religionem pertinent".
ed un' actio servi corrupti viene concessa dai magistrato anche a colui che cerchi di persuadere lo schiavo o la schiava a compiere azioni tali da renderli deteriori, diminuendone il valore:
Quippe quum populum videant in plateas effusum assiduis imbribus perfundi, nec persuadere queant illis ut se subducant pluviae tectaque subeant: gnari nihil profuturos sese so exeant quam ut una compluantur, semet intra tecta continent, habentes satis quando alienae stultitiae non possunt mederi so ipsi saltem sint in tuto.
Ja nao se distingue claramente ubi de quo, in provincia de in provinciam, in civitatibus de in civitates; o acusativo comeca a ser empregado como objeto direto dos verbos uti, egere, maledicere, nocere, persuadere e outros e substitui, as vezes, o genitivo de preco (vendere aliquid decem solidos etc.
La nuova gioventu diventa quindi terreno ferace a favore dell'attecchimento dell'improvvisata e della provocazione; motteggi accresciuti di senso con rimpiego dell'anafora e di tutte le strategie stilistiche proprie di una retorica non piu sottile, atta a persuadere, bensi irrompente ed incisiva.
56)), le eroiche esclamazioni del contemptus mundi e i mistici richiami giovannei elementi imprescindibili nelle strategie retoriche del comizio moraleggiante e riformatore o la scintillante eco ciceroniana --conveniente all'argomentazione e, dunque, a persuadere chi legge--, altrettanto sostanziali risultano essere i riferimenti ai poeti "della tradizione laudistica e dell'ispirazione petrarchesca" (p.
Da qui proviene la definizione di "oratorio", termine utilizzato dalla Maraini stessa per definire un tipo di teatro che cerca di persuadere il pubblico, comunicando con la "parola" il dramma di personaggi fragili come Viollca.
2) Il suo scopo piu esplicito e persuadere le donne a seguire l'esempio delle madri eroiche dei combattenti del Risorgimento, capaci di nascondere ansia e lacrime a beneficio della patria e di comprendere il valore del proprio sacrificio.
La polifunzionalita dell'animale nell'uso plutarcheo e dato inconfutabile: esso puo essere al centro di studi di matrice pseudo-scientifica ed etologica; puo essere un simbolo, una metafora, loggetto di una similitudine, un instrumentum di cui l'autore si serve per confutare le proprie idee e per persuadere il lettore, loggetto di spunti filo-animalistici.
Il senso complessivo, comunque, non cambia in modo rilevante: la Dea qui mette in guardia il filosofo dalle opinioni dei mortali che con la loro apparente plausibilita possono fuorviare o persuadere surrettiziamente colui che persegue la verita.
Por essa razao, assim o romano define as qualidades do orador: "Acuto homine nobis opus est, et natura usuque callido, qui sagaciter peruestiget, quid sui ciues, quibus aliquid dicendo persuadere uelit, cogitent, sentiant, opinentur, exspectent" (I, 223).