Ferruccio Parri


Also found in: Wikipedia.
The following article is from The Great Soviet Encyclopedia (1979). It might be outdated or ideologically biased.

Parri, Ferruccio

 

Born Jan. 19, 1890, in Pinerolo, Piedmont. Italian political and state figure.

In his youth Parri taught in a secondary school and was a journalist. In the 1930’s he aligned himself with the antifascist Justice and Liberty movement. He was a founder of the Party of Action, which grew out of Justice and Liberty. In the fall of 1943, during the war of national liberation against the German fascist occupiers (1943–45), Parri was elected chairman of the Committee of National Liberation of Northern Italy. In the beginning of 1944 he headed the partisan detachments of Justice and Liberty. That same year he became a deputy commander of the Corps of Volunteers of Liberty. In 1945 he headed the coalition government. Parri is a senator for life, and in 1968 he headed the independent left group in the senate.

The Great Soviet Encyclopedia, 3rd Edition (1970-1979). © 2010 The Gale Group, Inc. All rights reserved.
References in periodicals archive ?
II saggio indaga i rapporti tra Carlo Levi e la cultura amer icana a partire dal viaggio dell'autore a New York nella primavera del 1947 in compagnia dell'ex premier italiano Ferruccio Parri. Anche in virtu della campagna promozionale svolta in quell'occasione, l'edizione americana di Cristo si e fermata a Eboli (1947) raggiunge un enorme successo di vendite e ottiene un notevole consenso da parte della crit ica, destando l'attenzione di due noti reviewers della scena americana come Alfred Kazin e Paolo Milano.
In una rapida nota informativa il New York Herald Tribune comunica l'arrivo in citta di Ferruccio Parri, che da poco piu di un anno aveva concluso la sua esperienza di governo, (1) e del suo accompagnatore Carlo Levi, definito laconicamente "painter and author of 'Christ stopped at Eboli"' (New York Herald Tribune, 1947a: 36).
I motivi di una trasferta che, nella sua prospettiva storica, segue la recente annessione dell'Italia all'Unrra rna precede le trattative per l'avvio del piano Marshall, sono chiariti da Ferruccio Parri appena sbarcato dal volo Pan American proveniente da Roma: nella conferenza allestita in aeroporto l'ex premier sottolinea la necessita di organizzare un piano concreto di assistenza sociale, mentre l'Italia si impegnera a osservare con scrupolo gli accordi del trattato di pace (New York Herald Tribune, 1947b: 4; ma cfr.
Oltre a ospitare la recensione di Fanny Butcher sui Cristo, il giornale dedica una colonna alle due giornate che Levi trascorreni a Chicago in arrivo dalla California, mentre degli impegni istituzionali con Ferruccio Parri non resta che una rapida segnalazione (Babcock, 1947: 11).
E una delle persone che, ad esempio, fa ancora attenzione (realmente attenzione) alla vita di Teresa, che vende sigari e sigarette agli angoli delle strade, e proprio il Presidente del Consiglio Ferruccio Parri. In Parri Levi vede non solo il vecchio capo della Resistenza, ma quasi un estraneo, un vero e proprio straniero piombato nella Roma ministeriale, che pur rinascendo dalle ceneri del crollo della dittatura sembra riprendere le forme e i vizi sempiterni della politica, precedenti anche alla stessa Italia fascista.
Ferruccio Parri appare al centro tra due "visi cardinalizi"--cosi li descrive Levi--l'uno alla sua destra e l'altro alla sua sinistra.
Ferruccio Parri e nel romanzo Ferruccio Parri, ma probabilmente e l'unico personaggio a comparirvi col suo vero nome.
Tale esigenza di memoria e di rinnovamento della Iotta emerge con evidenza ancor piu marcata, un anno dopo, il 27 settembre 1945--all'indomani del discorso pronunciato dal Presidente del Consiglio, Ferruccio Parri, davanti all'Assemblea Plenaria della Consulta Nazionale (11)--allorche Levi insistette nel caldeggiare un prolungamento di que1lo sforzo di resistenza che aveva portato l'Italia alla liberazione, opponendosi recisamente ai tentativi di restaurazione operati dalle vecchie forze reazionarie e dallo spirito totalitario che ancora aleggiava sulla Nazione (cfr.
116 febbraio 1975 sara proprio Ferruccio Parri a commemorare in Senato la morte di Levi, pronunciando un discorso adesso reperibile in Levi, 2003: 267- 272.