Stretto

(redirected from stretti)
Also found in: Dictionary.

Stretto

 

(1) A type of imitation, in which a voice enters with a theme that is subsequently overlapped by another voice. A stretto is employed in the final section of a fugue.

(2) The concluding passage of a work or movement done in an accelerated, rapid tempo.

Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
Compiti quali il mettere e togliere indumenti stretti sotto supervisione per migliorare abilita e velocita di esecuzione (cronometrando il tempo impiegato), sono un esempio delle strategie impiegate.
un dono non solo a Dio, ma anco alla Patria, al Mondo et alli lor stretti parent).
Soprattutto negli ultimi anni del secolo, i legami tra criminologia e letteratura si fanno sempre piu stretti, con Lombroso e i suoi allievi decisi a occuparsi di critica letteraria allo scopo di legittimare le loro teorie sul delinquente.
Man mano che il lettore avanza nel libro va stabilendo paragoni biografici sempre piu stretti fra don Carlo e Carlo Levi e, quando arriva a certi capitoli di grande portata intellettuale, capisce che essi eccedono ampiamente le competenze di un narratore ordinario, e quindi non puo fare a meno di sentire, ormai senza alcun dubbio, il respiro dell'autore--vero fautore--che si aggira dietro quelle pagine.
Al di la dell'effettiva convergenza fra letteratura e vita, di stampo indubbiamente decadentista, ci interessera evidenziare in sede critica gli stretti rapporti intertestuali che la sua scrittura presenta con la poesia francese ottocentesca--in modo particolare, con l'opera di Baudelaire, Verlaine e Rimbaud (14)--e i suoi nessi profondi con questi precedenti poetici nella costruzione del suo immaginario e delle metafore ossessive dell'autore.
Un intento degno di lode in un mondo in cui i contatti si fanno sempre piu stretti e sempre maggiore e la necessita di comunicare in modo consapevole, nel rispetto delle specificita e delle differenze.
Comincia a girare intorno disegnando cerchi sempre piu stretti, "come un nero can barbone diabolico" (Levi, 1990: 14).
La metafora, che si sviluppa in una complessa allegoria, e quella della nave Endurance su cui Shackleton e il suo equipaggio, partiti per la traversata a piedi del Polo Sud, si trovarono stretti nella morsa di una quantita immensa di ghiaccio, nell'immobilita, nell'inerzia allucinatoria, nel freddo e nell'oscurita, come il Novecento si e trovato stretto nella morsa del nichilismo e della propria idea di crisi.
Ma ancora piu notevole e che in questo secolo la 'questione della lingua' si sposta in area veneta e che Ramusio e uno dei piu stretti amici di Pietro Bembo, il cardinale che normalizzera il toscano sull'esempio delle tre corone, sancendo il divorzio definitivo fra un resuscitato fiorentino aureo e il vivo fiorentino argenteo, fra la lingua scritta e la lingua orale, divorzio destinato a durare fino alla prima guerra mondiale--in realta la questione riguardava esclusivamente la parola scritta, e Bembo la risolveva tentando di trarre dal prestigioso canone letterario una lingua che garantisse all'Italia un primato culturale nella movimentata emergenza dei grandi stati nazionali europei.
Quanto all'atteggiamento del governo verso il movimento di liberazione, oltre a ricordare la pervicacia nel non riconoscere stati come la Cina popolare o la Germania democratica, Levi rimarca i rapporti ambigui, ma anche sempre piu stretti, con la Spagna di Franco, il Portogallo di Salazar e il Sudafrica del regime di apartheid.
Nel periodo compreso tra il 1929 e il 1934 la produzione (5) e caratterizzata da usi linguistici regionali non estesi e da una drastica eliminazione o almeno dall'attenuazione del tratti dialettali piu stretti.
Vi si sottolinea il legame di Vaccari con gli ambienti piu fertili della neoavanguardia (rappresentati dal Gruppo 70 di Lamberto Pignotti e dal concretismo di Adriano Spatola, come pure dalla cerchia di poeti sonori stretti intorno ad antipiugiu, rivista torinese di Arrigo Lora Totino), dalla cui produzione egli perd si distanzia, dismettendone sia l'intento contestatorio in senso politico che la concezione pittorica della scrittura: ogni tipo di astrattismo e infatti rifiutato da Vaccari, nell'ottica della trasformazione della pagina in un palcoscenico, ove il linguaggio usurato dei media si combina con i tratti piu moderni del teatro sperimentale, del concettualismo e del poverismo, dando vita a un'antropologia cittadina anonima e collettiva.